Warning: Creating default object from empty value in /home/customer/www/puericultricemilano.com/public_html/wp-content/themes/sweetcake/framework/ReduxCore/inc/class.redux_filesystem.php on line 29
Da ciò che i bambini mangiano oggi dipende il loro domani - Puericultrice Milano

Da ciò che i bambini mangiano oggi dipende il loro domani

Crescere un bambino è meraviglioso ma anche un po’complicato: l’amore e la dedizione che il suo sviluppo richiedono sono davvero grandi. Per non parlare dell’alimentazione che va curata fin dai primissimi giorni. In materia, abbiamo fatto qualche domanda alla Dott.ssa Gina Lucci una professionista con esperienza ventennale nell’ambito dell’alimentazione infantile. Per conoscerla meglio o contattarla, fate una visita al suo sito. Intanto leggiamo il suo contributo nella consueta intervista “5 domande in 5 minuti”.

Buongiorno Dott.ssa Lucci, dalla Laurea in Medicina e Chirurgia, alle specializzazioni, alla Medicina non convenzionale. Uno sviluppo naturale o un cambio di rotta?

Sviluppo naturale, senza dubbio. In Ospedale ho trattato per quasi 25 anni i neonati prematuri, che per sopravvivere necessitano di terapie invasive e aggressive.
Chiaramente, questo non vale per la maggioranza dei bambini: quelli che nascono a termine, che vivono in ambienti igienicamente adeguati e che sono seguiti con cura e attenzione. Quelli che, però, sono sempre più “bombardati” con farmaci assolutamente eccessivi per i malanni più frequenti. A lungo andare queste terapie peggiorano la salute dei bambini, perché indeboliscono il loro sistema immunitario e alterano la flora batterica intestinale che è fondamentale: e dalla sua qualità che dipendono la nostra maggiore o minore resistenza alle infezioni, l’assimilazione dei nutrienti e l’efficienza del nostro metabolismo.

flora-intestinale.jpg

Qual è, in breve, il suo approccio all’alimentazione dei bambini?

È molto semplice: cibi freschi, stagionali, poco manipolati e possibilmente biologici.
Tutta la famiglia dovrebbe abituarsi a mangiare in modo sano: i bambini imparano perché, più di ogni altra cosa, desiderano imitare gli adulti.
Lo dice anche la teoria dei “neuroni specchio”: l’essere umano è programmato per osservare l’altro e apprendere comportamenti ed emozioni tramite l’imitazione.

I 5 alimenti sconsigliati e i 5 fondamentali durante lo svezzamento.

Il mio primo consiglio è di prolungare quanto più possibile l’allattamento al seno, anche durante lo svezzamento: il latte materno deve rimanere la fonte primaria di nutrienti per tutto il primo anno di vita. “Noi non veniamo dalle stelle o dai fiori, ma dal latte materno. Questa è la nostra natura” dice il Dalai Lama.

Non esistono cibi “sconsigliati”.
Lo svezzamento consiste nel portare gradualmente il bambino ad assumere tutti i cibi abitualmente consumati in famiglia.
Ad un anno, più o meno, il piccolo può mangiare di tutto, tranne ovviamente i cibi a cui sia risultato allergico o intollerante.
Sconsiglio l’uso del sale fino ai 12 mesi, di zuccheri raffinati, biscottini vari, dolciumi e succhi di frutta industriali fino ai 2 anni.

Schermata 2016-05-31 alle 16.49.54.png

Quali sono le intolleranze alimentari più frequenti?

Gli alimenti che provocano più spesso allergia sono il latte vaccino, le uova, la soja, il grano, i crostacei, le arachidi e vari tipi di noci.

Le intolleranze alimentari sono reazioni indesiderate del nostro organismo all’ingestione di alcuni alimenti oppure alterazioni a carico dell’apparato digerente (intolleranze enzimatiche). Tali reazioni sono strettamente dipendenti dalla quantità dell’alimento ingerito.

L’intolleranza alimentare si manifesta con sintomi simili a quelli delle allergie alimentari, ma solitamente più lievi. I sintomi di una intolleranza alimentare possono comparire anche a distanza di ore, in casi rari anche dopo alcuni giorni, il che rende più difficile riconoscerli e metterli in relazione con il cibo.

Le intolleranze enzimatiche sono determinate dall’incapacità dell’organismo di metabolizzare alcune sostanze presenti negli alimenti.
Un tipico esempio è l’intolleranza al lattosio. Questi difetti enzimatici sono generalmente congeniti, ma talvolta possono essere acquisiti nel tempo: teoricamente tutti gli alimenti possono provocare intolleranza, ma sono più spesso implicati quelli di uso più frequente ( latte vaccino, grano, lieviti, solanacee)

bimba allergica.jpg

L’allergia alimentare, invece, è una reazione immediata del sistema immunitario all’ingestione di uno specifico alimento (o di alcune sostanze contenuto in esso). Tale reazione si esprime al primo contatto con la formazione di anticorpi specifici che hanno il compito di difendere l’organismo da sostanze riconosciute come estranee.

I sintomi variano per rapidità e ad intensità a seconda della qualità e la quantità del cibo ingerito e sono prurito e gonfiore alle labbra, al palato e alla gola, nausea, vomito, crampi, gonfiori addominali, flatulenza, diarrea. Oltre a questo, anche reazioni cutanee come orticaria, angioedema o eczemi, sintomi a carico dell’apparato respiratorio oppure cefalea ed emicrania.

Nei casi più gravi, fortunatamente rari, si può arrivare allo shock anafilattico, che compare entro un’ora dall’ingestione dell’allergene e che richiede sempre un ricovero ospedaliero urgente.

Dopo tanti anni a contatto con piccoli pazienti e la loro alimentazione, possiamo dire che …

Uno stile di vita sano e corretto fin dalla nascita (ma anche dal concepimento) è alla base della salute futura dell’individuo. Molti studi rivelano che i famosi “primi mille giorni” sono cruciali.

Nel 2015 l’ISTAT segnala che, per la prima volta nella storia, l’aspettativa di vita è diminuita. Alla base di questa notizia clamorosa c’è il costante incremento delle patologie cosiddette “non trasmissibili” (obesità, diabete, allergie, sindrome metabolica, malattie cardiovascolari e neurodegenerative) dovute a stili di vita incongrui.
Nei paesi Occidentali si mangia troppo, ma soprattutto si mangia male, a partire dai primissimi anni.

Genitori, siate consapevoli che il vostro comportamento condizionerà la salute dei vostri figli per tutta la vita.

Grazie mille Dott.ssa, è stata davvero preziosa.

Category: Salute

Puericultrice Alhena

All Rights Reserved Puericultrice Milano - Consulenze a domicilio TEL. +39 339 8477027 o E-MAIL

Privacy Policy